Mons. Pasquale Pezzoli, il nuovo Prevosto

0
484

Parroco Pezzoli Pasquale 2009 - DSC05554

Il nuovo prevosto di Borgo Santa Caterina: mons. Pasquale Pezzoli, classe 1955, dal 2002 Rettore del Seminario diocesano. L’ingresso ufficiale è avvenuto sabato 1 ottobre alle ore 17:30 con la celebrazione, presieduta dal Vescovo Francesco Beschi, nella Chiesa Prepositurale di Santa Caterina.

Leggiamo il saluto che ha voluto rilasciare ai parrocchiani, impegnandoci a pregare per lui perché continui tra noi il suo ministero sacerdotale nella nuova missione di parroco. Auguri, don Pasquale e arrivederci. Don Andrea

 

Sono contento di salutare per la prima volta la comunità di Santa Caterina dalle pagine del giornale parrocchiale.

Scrivo queste righe poco dopo che ho partecipato ad una celebrazione eucaristica del sabato sera nel Santuario: così la mia nuova famiglia ha incominciato ad assumere un volto concreto a cui affezionarmi.

Per questi mesi dovrò ancora seguire il seminario nella sua fase di fine anno e di vacanze estive, per cui la mia presenza tra voi non potrà che essere sporadica, ma è ovvio che il pensiero, il cuore e la preghiera siano ormai orientati lì dove il mandato del vescovo ha indicato il mio futuro. Ho sempre guardato con simpatia al prete curato o parroco e ora sono quindi contento di potere vivere così il mio sacerdozio, a contatto diretto con una maggiore varietà di persone: ragazzi e giovani, famiglie, anziani, malati…

I rapporti che ho potuto avere negli anni scorsi con santa Caterina sono legati soprattutto alla conoscenza personale diretta di qualcuno di voi, ai preti nativi (in particolare il mio predecessore, mons. Gianni Carzaniga), ai seminaristi che ho accompagnato, alla presenza poi di altri seminaristi che hanno vissuto qualche “esperienza” pastorale con don Cristiano, a qualche fugace visita durante i giorni dell’Apparizione.

Ovviamente mi sono guide privilegiate per i miei primi passi i preti che svolgono attualmente il loro ministero tra voi – mons. Andrea, don Dario, don Angelo e don Edoardo – che ringrazio di cuore. Come ringrazio tutti coloro che in un modo o in un altro ho già avuto modo di sentire o incontrare. Conosco la ricchezza della storia e della vita attuale del Borgo d’oro e della sua comunità cristiana, mi inserirò volentieri in questo cammino col desiderio di costruire insieme con voi la testimonianza del vangelo e con voi di accompagnarmi alla vita di quelli che il Signore metterà sulla nostra strada. Da parte mia non ho credenziali particolari da presentare, posso solo dire che ho sempre vissuto con gioia ciò che mi è stato chiesto finora e ho cercato di “stare” con tutto il cuore nei compiti che mi sono stati affidati; confido quindi che la fedeltà di Dio mi aiuterà a fare altrettanto, speriamo anche meglio, da ora in poi.

Pertanto, non è certo solo per abitudine scontata se ripeto che siete già molto nella mia preghiera e se vi chiedo di pregare davvero per me: la preghiera è il primo modo per esprimere interesse, affetto e vicinanza. La presenza di un vivace santuario nato da un’Apparizione di Maria accomuna la mia comunità di origine e la mia nuova parrocchia.

Anche per questo mi sento già a casa. Il resto lo farà il cammino comune che ci attende.

d. Pasquale

 

foto: Mons. Pasquale in una foto del 2007 quando venne invitato in S. Caterina per una predicazione

 

dal giornale parrocchiale di giugno 2016