“LE VIE DEL BORGO”: PIAZZALE PONZIANO LOVERINI

0
499

E’ costituito da uno spazio quadrangolare che si apre a sinistra di via Corridoni dopo via Milazzo; è chiuso dal tratto finale di via Gasparino da Barzizza e dalla roggia Serio.
Sul lato sinistro si affaccia un grosso condominio, mentre dal lato opposto si apre la zona pedonale  parte del grosso complesso residenziale e commerciale costruito in anni recenti. Sullo stesso lato è presente la vecchia stazione di Santa Caterina della ex ferrovia della Valle Seriana, per anni lasciata in stato di abbandono e ristrutturata non molti anni fa.
Al centro del piazzale si trova una vasta aiuola occupata da grossi alberi.

Il personaggio: Ponziano Loverini

Nato a Gandino il 6 luglio 1845, studiò all’Accademia Carrara e divenne un apprezzato ritrattista realizzando opere come “Bartolomeo Colleoni e la figlia Medea”, “Gli ultimi momenti di Gaetano Donizetti” e “La vestizione di San Francesco”.
Realizzò anche affreschi a soggetto sacro, tra i quali una “Santa Grata” e la sua ultima opera “L’Assunta tra S. Ponziano e altri santi martiri”.
Morì a Gandino il 21 agosto 1929.