Il missionario Padre Benigno Franceschetti

0
445

Ci scrive Padre Benigno Franceschetti, missionario saveriano a Bafoussam in Cameroun, Africa. E’ un missionario originario di Borgo Santa Caterina.

Agosto 2016

 

Carissimi del Gruppo missionario,

mi scuso per il ritardo ma è quasi un mese che non abbiamo internet. Nonostante siamo in città, non è raro di trovarci senz’acqua, senza elettricità, con contatto telefonico precario e con strade che hanno più buche che asfalto…   Tra l’altro, i cinesi stanno attraversando la città con una grossa condotta d’acqua verso lo stadio…

Il coraggio comunque non manca alla nostra regione saveriana del Cameroun-Ciad, perchè ci prepariamo a una nuova fondazione à Ndjamena, la capitale del Ciad, in pieno territorio musulmano. Non c’è per ora qui il problema del radicalismo musulmano, e anzi, la chiesa è giovane e sta crescendo sensibilmente, soprattutto fra le etnie non islamizzate. A guidare questa fondazione sarà il P. Armando, il superiore regionale precedente che è ancora giovane.

Noi invece a Nefa ci troviamo con una comunità un po’invecchiata, dopo la partenza di Collins, ma ci faremo aiutare dagli studenti della filosofia e dai giovani Padri dell’altra comunità dello studentato. Il P. Paolo è tornato dal perioodo di riposo in Italia, dove si è dato da fare per aiutare qui un centro di handicappati che ha bisogno di una struttura decente di accoglienza. Il P. Adriano sta lavorando al suo nuovo centro per il reinserimento sociale dei più deboli e emarginati; ma i lovori sono stati ritardati dalla stagione delle piogge e dalla necessità di contenere lo slittamento del terreno.

Per noi invece la priorità è di rilanciare l’attività pastorale: le idee, i reponsabili, la formazione, il catecumenato, le comunità di base che si sono infiacchite … e le situazioni contingenti…

E’ appena uscita dal mio ufficio Benedicte, una mamma in grave difficoltà, con la ripresa delle scuole, per l’iscrizione dei suoi quattro figli di diversa età. Il marito l’ha lasciata e la sua schiena è a pezzi. Qua si paga tutto: l’ospedale, la scuola, qualsiasi servizio …e i mezzi sono sempre molto limitati. Questa zona sta soffrendo anche per una grossa epidemia d’aviaria (epidemia dei polli) che è una delle risorse primcipali della regione, particolarmente adatta a questo tipo di attività. E non c’è nessun rimborso o assistenza sociale. Molti ragazzi cominciano la scuola ma dopo un mese sono mandati via se i genitori non hanno versato quanto richiesto… è molto penoso, ma non c’è altro rimedio. Noi, evidentemente, aiutiamo qualcuno ma non possiamo di più.

Nonosrante i limiti, il paese è in cammino, e la gente si dà da fare, e si accontenta. Ci rallegriamo delle tante cose buone che ci sono e incoraggiamo ad andare oltre, e a contrastare le ingiustizie e la corruzione. Il vero progresso, ne siamo convinti, è nel cambiamento di mentaltà, che il vangelo promuove e che lo Spirito sostiene.

Anche per voi la ripresa sarà dura, suppongo. Ma il meglio è davanti a noi.

Auguri di cuore a voi tutti.

 

P. BENIGNO

 

 

Padre Benigno Franceschetti è nato a Bergamo il 31 luglio 1949 . La sua famiglia ha abitato in S. Caterina. Ora vi risiede la sorella sposata.

Dopo la 3a media entra dai Saveriani, frequenta il ginnasio e poi le magistrali. Dopo gli studi teologici a Parma è ordinato sacerdote il 28 settembre 1975.

Rimane un breve periodo a Macomer, come formatore dei ragazzi, in Sardegna.

Parte per il Cameroun il 5 settembre 1982.

Missionario saveriano per 21 anni in Cameroun: 9 anni a Douala, città-porto di un milione e mezzo di abitanti, fra i quartieri popolosi e disagiati della periferia e 12 anni nel nord Cameroun, nell’Africa dei villaggi, con le capanne di argilla e paglia dove vi si trovano piccole comunità cristiane.

Richiamato in Italia nel giugno 2003 si è occupato per diversi anni dell’animazione vocazionale saveriana per i giovani.

E’ stato 4 anni a Desio in Brianza e per 5 anni, dal settembre 2007, a Salerno svolgendo l’incarico di Rettore della locale Comunità saveriana.

Padre Benigno è tornato in missione in Africa, in Cameroun a Bafoussam dal novembre 2012.

 

Bafoussam è una città dinamica e caotica situata nella zona ovest del Cameroun. Abitanti circa 383.000.map.cgi Cameroun

I terreni di origine vulcanica nei pressi di Bafoussam hanno permesso una densità di popolazione rurale maggiore rispetto ad altre zone del paese.

In queste regioni occidentali, dove vive quasi il 25% della popolazione, prevalgono le coltivazioni di caffè e di cacao.

La missione di Nefa (a Bafoussam) è grande, ha otto cappelle anche abbastanza lontane e difficili da raggiungere.

La casa dei Padri Saveriani è già costruita e la scuoletta della Parrocchia è appena stata costruita.

La Chiesa è un semplice capannone, ma si vuole coinvolgere nei lavori di progettazione la comunità locale.

C’è l’organizzazione pastorale delle comunità secondo il piano Parrocchiale e Diocesano ben definito.

È una Diocesi abbastanza attiva, anche se la lentezza e il caos è sempre tipicamente africano.

 

staticmap camerounCameroun. Lo stato del Cameroun ha le dimensioni di una volta e mezza circa l’Italia.

La popolazione del Cameroun ammonta a circa 20 milioni di abitanti.

La maggiore concentrazione di abitanti si ha nelle regioni settentrionali e nelle aree occidentali che presentano un clima più mite.

Le città principali sono Douala e Yaoundé.

In Cameroun sono presenti oltre 200 diverse etnie e gruppi linguistici. Il francese è la lingua principale ma è molto diffuso anche l’inglese.

La maggioranza della popolazione è cristiana (40%), seguita dagli animisti (40%) e dai musulmani (20%).